Di tutto e di più

Si parla di argomenti diversi

Nuovo sito in funzione iscriviti su www.tede.altervista.org

Ultimi argomenti

» NUCITA-PRINCIOTTO CAMPIONI ITALIANI JUNIOR
Sab Ott 13, 2012 11:06 pm Da NICO50

» Supercoppa Italiana - Lazio, buona la prima: la Supercoppa è tua
Sab Ago 08, 2009 6:50 pm Da TOMMY's

» Semaforo elettronico
Gio Ago 06, 2009 5:19 pm Da TOMMY's

» Electronics Assistant: 4.1
Gio Ago 06, 2009 5:14 pm Da TOMMY's

» Capacitor Conversions Ver 1.2.0
Mar Ago 04, 2009 10:08 pm Da TOMMY's

» Resistor Color Code Calculator Ver 2.4
Mar Ago 04, 2009 10:04 pm Da TOMMY's

» TELEGUIDA SERALE GIUGNO 09
Mar Giu 30, 2009 12:02 pm Da TOMMY's

» Episodi
Mar Giu 23, 2009 8:44 pm Da TOMMY's

» Classifica piloti e team
Lun Giu 22, 2009 11:25 am Da TOMMY's

Chi è in linea

In totale ci sono 2 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 2 Ospiti

Nessuno


[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 16 il Dom Ago 23, 2009 5:16 pm

Calendario


3ciento - Chi l'ha duro... la vince!

Condividere
avatar
TOMMY's
Admin/Founder
Admin/Founder

Maschile
Vergine
Gallo
Numero di messaggi : 1472
Compleanno : 11.09.81
Età : 36
Occupazione/Hobby : ^__^
Rispetto delle regole del forum :
Esperienza :
100 / 100100 / 100

Punti : 485
Reputazione : 19
Data d'iscrizione : 29.01.08

3ciento - Chi l'ha duro... la vince!

Messaggio Da TOMMY's il Gio Mag 15, 2008 8:17 pm

Titolo: 3ciento - Chi l'ha duro... la vince! (Meet the Spartans)
Regia: Jason Friedberg & Aaron Seltzer
Sceneggiatura: Jason Friedberg, Aaron Seltzer
Fotografia: Shawn Maurer
Interpreti: Sean Maguire, Carmen Electra, Ken Davitian, Kevin Sorbo, Diedrich Bader, Method Man, Jareb Dauplais,e Travis Van Winkle, Phil Morris, Jim Piddock, Nicole Parker, Ike Barinholtz, Crista Flanagan, Hunter Clary, Emily Wilson, Thomas McKenna, Tiffany Haddish, Willie Macc, Kenny Yates
Nazionalità: USA, 2008
Durata: 1h. 24'



Il cinema che prende in giro il cinema. Il maestro del genere è senz'altro Mel Brooks. E' stato infatti il mitico regista di "Balle spaziali" e "Frankestein Junior" a sistematizzare la presa in giro del cinema, dei suoi artisti e dei suoi meccanismi, nella forma di un lungometraggio che prendesse in giro una grande opera popolare del grande schermo attraverso la ridicolizzazione dei suoi personaggi e la parodizzazione dei suoi punti di forza. In qualche modo Brooks ha fatto scuola, con le sue trovate esilaranti, le sue piccole genialità e l'assenza quasi totale di volgarità gratuita. E, se da una parte questo porre le basi di un filone di comicità deve essere ascritto ai meriti di un maestro del cinema, dall'altro la codificazione di Brooks ha dato seguito ad un sottogenere cinematografico che è fiorito definitivamente con la serie di "Scary Movie", aspetto di dubbio, per quanto involontario, merito. Un sottobosco di cinema popolare che nel migliore dei casi si è configurato come un onesto intrattenimento scacciapensieri, nel peggiore come una notevole perdita di tempo, di denaro e, persino, di pazienza.

La premiata ditta Friedberg/Seltzer che aveva dato vita proprio al primo, passabile, capitolo di "Scary Movie", oltre che ai discutibili "Hot" ed "Epic Movie", tocca il punto più basso della propria carriera e del genere con "Meet the Spartans", incomprensibilmente tradotto in italiano con "3ciento - Chi l'ha duro... la vince!". La pellicola, che si sviluppa agilmente in poco meno di un'ora e mezza, vorrebbe essere una parodia del recente film tratto dal fumetto di Frank Miller, improntata principalmente sulla messa alla berlina dell'esaltazione virile presente nel film sulle Termopili, ma piena anche di riferimenti alla politica americana, ai più celebri programmi televisivi, al mondo del cinema più in generale. Ma lo humour è semplicistico e volgarotto, le battute del tutto prive di mordente, il product placement smaccato e senza mezze misure. Si passa da momenti di assoluta noia a passaggi che insultano - nel senso letterale del termine - l'intelligenza del pubblico pagante. Non si riesce a ridere nemmeno sforzandosi, al massimo il grottesco protagonista strappa qualche involontario sorriso.
Una comicità della quale non si sente bisogno, che svilisce e cerca di involgarire anche il banale intrattenimento popolare di cui si vuole fare portatore, che tradisce le pur goliardiche origini dalle quali trae linfa, e si colloca senza rimpianti nel cestino della storia del cinema.






Codice:
FONTE: www.cinefil.biz


_________________
                 BALLA CHE TI PASSA

شؤهشخ ش فعففه يش فثيث

    La data/ora di oggi è Gio Nov 23, 2017 6:55 am