Di tutto e di più

Si parla di argomenti diversi

Nuovo sito in funzione iscriviti su www.tede.altervista.org

Ultimi argomenti

» NUCITA-PRINCIOTTO CAMPIONI ITALIANI JUNIOR
Sab Ott 13, 2012 11:06 pm Da NICO50

» Supercoppa Italiana - Lazio, buona la prima: la Supercoppa è tua
Sab Ago 08, 2009 6:50 pm Da TOMMY's

» Semaforo elettronico
Gio Ago 06, 2009 5:19 pm Da TOMMY's

» Electronics Assistant: 4.1
Gio Ago 06, 2009 5:14 pm Da TOMMY's

» Capacitor Conversions Ver 1.2.0
Mar Ago 04, 2009 10:08 pm Da TOMMY's

» Resistor Color Code Calculator Ver 2.4
Mar Ago 04, 2009 10:04 pm Da TOMMY's

» TELEGUIDA SERALE GIUGNO 09
Mar Giu 30, 2009 12:02 pm Da TOMMY's

» Episodi
Mar Giu 23, 2009 8:44 pm Da TOMMY's

» Classifica piloti e team
Lun Giu 22, 2009 11:25 am Da TOMMY's

Chi è in linea

In totale ci sono 0 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 0 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno


[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 16 il Dom Ago 23, 2009 5:16 pm

Calendario


DALLA CORRENTE ALTERNATA ALLA CORRENTE CONTINUA

Condividere
avatar
TOMMY's
Admin/Founder
Admin/Founder

Maschile
Vergine
Gallo
Numero di messaggi : 1472
Compleanno : 11.09.81
Età : 36
Occupazione/Hobby : ^__^
Rispetto delle regole del forum :
Esperienza :
100 / 100100 / 100

Punti : 485
Reputazione : 19
Data d'iscrizione : 29.01.08

DALLA CORRENTE ALTERNATA ALLA CORRENTE CONTINUA

Messaggio Da TOMMY's il Lun Ago 18, 2008 5:21 pm

Nella sezione dedicata alla costruzione dell'alimentatore si è visto
come sia possibile trasformare la corrente alternata di rete in
corrente continua adatta ad alimentare apparecchiature a bassa tensione
che in genere funzionano a pile.
Qualcuno avrà notato che, volendo realizzare un alimentatore con 12 V
di uscita, si è detto di procurarsi un trasformatore con secondario a 9
V;
figura 1
figura 2


la cosa può in effetti apparire strana, ma leggendo quanto segue dovrebbe risultare tutto più chiaro.
Il problema fondamentale è quello di capire cosa si intende quando si
dice che una tensione alternata ha un certo valore. Consideriamo, per
esempio, la solita "tensione di rete" a 220 V che arriva nelle nostre
case.
In figura 1 vediamo la raffigurazione grafica di tale tensione:
il valore cambia da un istante all'altro; facendo riferimento al tempo,
indicato in basso in ms (millisecondi), si rileva che, partendo da un
valore zero, la tensione sale e, dopo 5 ms, raggiunge un valore massimo
(che supera 300 V). Poi la tensione torna a scendere, per ridiventare
zero all'istante 10 ms; successivamente assume valori negativi, cioè al
di sotto dello zero, fino al valore limite inferiore, di poco oltre i -
300 V. Poi torna ancora a salire ed arriva a zero, esattamente dopo che
sono passati 20 ms dall'inizio.
A questo punto diciamo che la tensione ha compiuto un ciclo completo,
assumendo tutti i valori che doveva assumere; da ora in poi si
ripeteranno altri cicli tutti uguali a quello descritto. Come si è
visto, un ciclo dura 20 ms: poichè un secondo è fatto di 1000 ms, nello
spazio di un secondo si ripeteranno 1000:20 cicli, e cioè 50 cicli; per
tale motivo si dice che la tensione di rete ha una frequenza di 50 Hz
(hertz).
Perchè una tensione come quella che abbiamo appena descritto viene
detta "a 220 V"? Per il semplice motivo che ciò che interessa di una
tensione alternata non è il suo valore massimo, ma la sua capacità di
sviluppare energia; si è così convenuto di indicarne quello che viene
definito "valore efficace", ovvero il valore che dovrebbe avere una
tensione continua per produrre lo stesso effetto termico. Guardando la
figura 2 si può comprendere meglio questo concetto: si tratta della
stessa tensione di figura 1, ma che adesso è stata raddrizza; le
semionde negative sono state ribaltate, e per tale motivo la tensione
non scende più sotto lo zero. Nei punti più alti essa raggiunge un
valore di circa 310 V, ma in altri scende a zero. Se con tale tensione
alimentiamo per esempio una stufa, si produrrà un certo riscaldamento;
con esperimenti pratici si rileva che per ottenere lo stesso
riscaldamento utilizzando una tensione continua occorre utilizzare una
tensione del valore di 220 V. Tale valore viene detto "valore efficace"
della tensione alternata che abbiamo descritto.
Tornando adesso al trasformatore usato per l'alimentatore, quando
diciamo che il suo secondario genera una tensione di 9 V, in realtà la
tensione prodotta è quella che si vede in figura 3.


Figura 3

Tale tensione, dopo essere stata raddrizzata, assume l'aspetto che si vede in figura 4.


Figura 4


Con l'aggiunta di un condensatore, che si carica in corrispondenza dei
valori più alti, si ottiene una tensione quasi continua, di valore
medio prossimo a 12 V, come indica il tracciato evidenziato in azzurro
nella figura 5.



Figura 5


Per concludere si può osservare come, passando dalla forma d'onda della
figura 1 a quella della figura 2, non solo siano spariti i valori
negativi, ma sia anche variata la frequenza: mentre prima un ciclo
intero si svolgeva in 20 ms, nella figura 2 vediamo che le semionde si
ripetono uguali a distanza di 10 ms una dall'altra. Questo significa
che la frequenza della pulsazione è passata da 50 hz a 100 hz, e quindi
è raddoppiata.


_________________
                 BALLA CHE TI PASSA

شؤهشخ ش فعففه يش فثيث

    La data/ora di oggi è Mar Set 26, 2017 5:28 pm