Di tutto e di più

Si parla di argomenti diversi

Nuovo sito in funzione iscriviti su www.tede.altervista.org

Ultimi argomenti

» NUCITA-PRINCIOTTO CAMPIONI ITALIANI JUNIOR
Sab Ott 13, 2012 11:06 pm Da NICO50

» Supercoppa Italiana - Lazio, buona la prima: la Supercoppa è tua
Sab Ago 08, 2009 6:50 pm Da TOMMY's

» Semaforo elettronico
Gio Ago 06, 2009 5:19 pm Da TOMMY's

» Electronics Assistant: 4.1
Gio Ago 06, 2009 5:14 pm Da TOMMY's

» Capacitor Conversions Ver 1.2.0
Mar Ago 04, 2009 10:08 pm Da TOMMY's

» Resistor Color Code Calculator Ver 2.4
Mar Ago 04, 2009 10:04 pm Da TOMMY's

» TELEGUIDA SERALE GIUGNO 09
Mar Giu 30, 2009 12:02 pm Da TOMMY's

» Episodi
Mar Giu 23, 2009 8:44 pm Da TOMMY's

» Classifica piloti e team
Lun Giu 22, 2009 11:25 am Da TOMMY's

Chi è in linea

In totale c'è 1 utente in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno


[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 16 il Dom Ago 23, 2009 5:16 pm

Calendario


PC - Operation Thunderstorm

Condividere
avatar
TOMMY's
Admin/Founder
Admin/Founder

Maschile
Vergine
Gallo
Numero di messaggi : 1472
Compleanno : 11.09.81
Età : 36
Occupazione/Hobby : ^__^
Rispetto delle regole del forum :
Esperienza :
100 / 100100 / 100

Punti : 485
Reputazione : 19
Data d'iscrizione : 29.01.08

PC - Operation Thunderstorm

Messaggio Da TOMMY's il Gio Ott 30, 2008 9:24 pm

Genere: Sparatutto
Produttore: City Interactive
Sviluppatore: City Interactive
Distributore: Leader
Lingua: Italiano

Recensione a cura di:
Andrea "Nervous D." Vittozzi

***







L'ultimo titolo sviluppato da City interactive ci riporta
nuovamente nella Seconda Guerra Mondiale (che a questo punto sarà
ricordata più per l’infinito carnet di giochi ad essa dedicati che per
i reali fatti storici).
Stavolta abbiamo una missione ben precisa : eliminare i tre più
pericolosi leader del regime nazista. Nello specifico stiamo parlando
diJoseph Goebbels (ministro della propaganda nazista), Heinrich Himmler
(comandante della polizia segreta nonché inventore dei campi di
concentramento) e Herman Goring (comandante della Luftwaffe).
Ovviamente l’esito della missione è interamente affidato a voi, che
indosserete le vesti di un paracadutista della SAS. Il guaio è che il
vostro contatto della resistenza francese, che vi attendeva “behind the
enemy lines” ,dietro le linee nemiche, è stato eliminato. Così vi
ritroverete alle porte della cittadina francese di Vervins, con una
manciata di proiettili, una torcia e poco altro.

Poveri noi….
Dopo un breve video-briefing che ci indica chi dei tre leader è il primo a dover essere eliminato comincia subito l’avventura.
Una delle caratteristiche che si apprezza sin da subito è senz’altro la
giocabilità immediata, semplice e intuitiva, ma questo non basta a far
decollare il gioco.
Operation Thunderstorm, infatti, è noioso e tremendamente facile: in un
pomeriggio arriverete alla schermata dei ringraziamenti e avrete anche
il tempo di organizzare qualcosa di più divertente da fare con gli
amici.
La struttura di ogni singolo livello forza il giocatore ad andare lungo
un unico percorso (in alcuni casi veri e propri rettilinei camuffati
malamente da qualche rientranza). Il grado di interagibilità con
l’ambiente circostante è minimo e anche abbastanza superficiale:
infatti possiamo urtare bidoni, di cui solo alcuni esplosivi, aprire
armadietti rigorosamente tutti vuoti dal primo all’ultimo (già dalla
seconda metà della prima missione inizierete a lasciarli chiusi lì dove
sono) e basta. Anzi, ci sono un milione di porte! Peccato che in tutto
il gioco solo una decina di esse si aprirà... Non solo, quest’ultime
sono state dotate dai programmatori anche di un timer che le farà
chiudere dopo qualche secondo. Elencare le volte in cui vi siamo
rimasti intrappolati è superfluo.
Tutto questo va a ledere anche la componente esplorativa perché sarete
ben presto consapevoli che perderete molto del vostro tempo a “non
aprire” porte e a “non raccogliere”oggetti.
Stretti corridoi claustrofobici la fanno da padrone; dimenticatevi gli
spazi aperti. In alcuni casi si passa da un checkpoint all’altro, solo
premendo il pulsante “freccia su” e sforacchiando avversari dotati di
un'intelligenza artificiale ai limiti del risibile.

La facilità con cui riuscirete a sbarazzarvi del nemico è imbarazzante.
Non avrete mai problemi da questo punto di vista e non incontrerete
ostacoli di sorta. La possibilità di sparare dietro la copertura di un
muro è inutile e gestita anche male. I tre boss, inoltre, si faranno
crivellare senza fare troppe storie, visto che nessuno di loro ha
abilità speciali che comportino l’adozione di particolari tattiche da
parte vostra. Il gioco scorre piatto, senza intoppi.

Anche le armi sono pochissime: Il bazooka e il coltello li eliminiamo
subito perché non servono. Immediatamente dopo, accantonerete anche il
lento fucile, dato che il nemico vi verrà incontro sempre più spesso
solo con simpatiche mitragliatrici. La differenza di usabilità delle
armi è tarata male. Abbiamo voluto testare di proposito la potenza
della pistola: con essa infatti potrete portare a termine la prima
missione senza problemi.Ciò fa sì che anche il fucile da cecchino (che
comunque troverete raramente) sarà l’ultima delle vostre necessità,
soprattutto perché non vi capiterà mai di sparare ad un target non più
lontano di qualche metro. Il titolo è stato da noi terminato
esclusivamente con le ben più versatili mitragliatrici e le potenti
granate delle quali ,quasi vi si impone l’utilizzo data la grande
abbondanza.

Realizzazione tecnica
Dal punto di vista grafico è apprezzabile un buon uso delle luci,
mentre mediocre risulta la resa delle esplosioni e degli spari. I
personaggi potrebbero essere anche ben modellati, ma il problema
generale è che la grafica è oltremodo datata.
Inoltre uno dei punti deboli che affligge da sempre i titoli della C.I. è il troppo “ordine” che caratterizza ogni livello.
Non c'è infatti un oggeto fuori posto al punto che non verremo mai
coinvolti “emotivamente” dall’ambiente circostante dal momento che
tutto risulta molto asettico e artefatto.
Le ambientazioni sono scarne di dettagli e alcuni oggetti (orologi a
pendolo e armadietti) sono stati replicati fino alla nausea. Tra
cadaveri che scompaiono, porte che si richiudono automaticamente,
texture che si rigenerano in barba agli schizzi di sangue e ai fori
inferti dai proiettili, ci accorgiamo che l’ambiente “si ripulisce”
alle spalle della nostra avanzata.

Anche la valutazione sul sonoro risulta assolutamente in linea con il resto del gioco. Nulla degno di nota.
Il doppiaggio delle 5 frasi che abbiamo avuto il piacere di sentire in
tutto lo svolgimento del gioco probabilmente è stato affidato a persone
anonime e prive di ogni dote recitativa.
Si salvano, ma senza sufficienza, gli effetti sonori di esplosioni e spari.

Multiplayer
Qualora abbiate la fortuna di trovare tracce di vita umana sul server,
Operation Thunderstorm offre anche la possibilità di giocare in
multiplayer con le modalità seguenti:
-Deathmatch
-Deathmatch a squadre
-Cattura la bandiera



Hardware
-Windows 2000/Vista/XP
-DirectX 9.0c o superiori (inclusi nel dvd)
-Processore 2.0 Ghz
-512 MB RAM (1 Gb per Windows Vista)
-Scheda video GeForce 5700 o Radeon 9700 128 MB
-3 GB di spazio libero su hard disk (4 GB per Windows VIsta)
-Scheda audio 16-bit con EAX 2.0 compatibile con DirectX 9.0
-Accesso internet a banda larga o LAN
-Lettore DVD-ROM

***
Fonte spaziogames.it


_________________
                 BALLA CHE TI PASSA

شؤهشخ ش فعففه يش فثيث

    La data/ora di oggi è Ven Nov 24, 2017 2:12 pm