Di tutto e di più

Si parla di argomenti diversi

Nuovo sito in funzione iscriviti su www.tede.altervista.org

Ultimi argomenti

» NUCITA-PRINCIOTTO CAMPIONI ITALIANI JUNIOR
Sab Ott 13, 2012 11:06 pm Da NICO50

» Supercoppa Italiana - Lazio, buona la prima: la Supercoppa è tua
Sab Ago 08, 2009 6:50 pm Da TOMMY's

» Semaforo elettronico
Gio Ago 06, 2009 5:19 pm Da TOMMY's

» Electronics Assistant: 4.1
Gio Ago 06, 2009 5:14 pm Da TOMMY's

» Capacitor Conversions Ver 1.2.0
Mar Ago 04, 2009 10:08 pm Da TOMMY's

» Resistor Color Code Calculator Ver 2.4
Mar Ago 04, 2009 10:04 pm Da TOMMY's

» TELEGUIDA SERALE GIUGNO 09
Mar Giu 30, 2009 12:02 pm Da TOMMY's

» Episodi
Mar Giu 23, 2009 8:44 pm Da TOMMY's

» Classifica piloti e team
Lun Giu 22, 2009 11:25 am Da TOMMY's

Chi è in linea

In totale c'è 1 utente in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno


[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 16 il Dom Ago 23, 2009 5:16 pm

Calendario


Serie A - Orgoglio Juventus, Grygera ferma l'Inter

Condividere
avatar
TOMMY's
Admin/Founder
Admin/Founder

Maschile
Vergine
Gallo
Numero di messaggi : 1472
Compleanno : 11.09.81
Età : 36
Occupazione/Hobby : ^__^
Rispetto delle regole del forum :
Esperienza :
100 / 100100 / 100

Punti : 485
Reputazione : 19
Data d'iscrizione : 29.01.08

Serie A - Orgoglio Juventus, Grygera ferma l'Inter

Messaggio Da TOMMY's il Dom Apr 19, 2009 11:48 am

Nel big match dell'Olimpico di Torino, una Juve in inferiorità numerica
(espulso Tiago) trova il gol dell'1-1 finale grazie a un colpo di testa
di Grygera. Di Balotelli la rete del momentaneo vantaggio nerazzurro.
In classifica, distanze invariate: Inter sempre a 10 sui bianconeri...




Ranieri sceglie alla fine Del Piero come partner d'attacco di Iaquinta, con Trezeguet in panchina. A centrocampo, con Marchisio e Camoranesi squalificati, spazio a Poulsen e Marchionni. Nell'Inter, Mourinho concede un turno di riposo a Santon: Zanetti gioca a destra, con Chivu a sinistra e Cordoba e Samuel centrali. Davanti, con Ibrahimovic c'è Balotelli: Cruz va in panchina. Nel buco a centrocampo liberato dal capitano nerazzurro, il tecnico portoghese rispolvera Figo.

Nel primo tempo una grande occasione per parte. Prima ci prova l'Inter: Balotelli converge da destra, elude l'intervento di Molinaro e Legrottaglie, quindi calcia con il sinistro a tu per tu con Buffon. La palla, toccata dal portiere della Juve, sta per oltrepassare la linea di porta, ma Tiago è miracoloso nel recupero in scivolata. La risposta della Juventus è nel tentativo di pallonetto di Marchionni, innescato da un passaggio in profondita di Del Piero: la conclusione dell'ex giocatore del Parma è deviata in angolo dalla grandissima risposta di Julio Cesar.

Nella ripresa è l'Inter a fare la partita. Ci provano prima Stankovic, con un destro da fuori area, quindi Ibrahimovic, colpo di testa ben parato da Buffon, ma la difesa della Juve regge. Fino al minuto 64, quando Balotelli realizza il gol del vantaggio interista. Sugli sviluppi di un calcio d'angolo a proprio favore, i padroni di casa si espongono al contropiede interista che, con tre passaggi, mette il giovane centravanti solo davanti a Buffon. Il destro in corsa di Balotelli su assist dalla sinistra di Muntari è preciso e letale allo stesso tempo: Buffon non può nulla.

La Juve, che perde anche Tiago perchè espulso dopo una doppia entrata scomposta prima su Muntari, quindi su Balotelli, rischia di capitolare, ma Buffon - strepitoso su Stankovic prima e su Cruz, entrato al posto di Figo, poi - tiene in piedi i suoi. Quanto ormai le speranze sembrano essere venute meno, ecco il gol del pareggio della Juve. Giovinco, entrato a dieci minuti dalla fine al posto di Del Piero, pennella un calcio d'angolo perfetto per la testa di Grygera che, tutto solo e indisturbato appostato sul primo palo, realizza il gol del definitivo 1-1. E' il gol che chiude la partita e che, nonostante non abbia conquistato i tre punti, consegna di fatto nelle mani dell'Inter lo scudetto numero 17 della sua storia...


_________________
                 BALLA CHE TI PASSA

شؤهشخ ش فعففه يش فثيث
avatar
TOMMY's
Admin/Founder
Admin/Founder

Maschile
Vergine
Gallo
Numero di messaggi : 1472
Compleanno : 11.09.81
Età : 36
Occupazione/Hobby : ^__^
Rispetto delle regole del forum :
Esperienza :
100 / 100100 / 100

Punti : 485
Reputazione : 19
Data d'iscrizione : 29.01.08

Re: Serie A - Orgoglio Juventus, Grygera ferma l'Inter

Messaggio Da TOMMY's il Dom Apr 19, 2009 11:50 am

Serie A - Genoa sbiadito: Zarate colpisce!

La Lazio vince 1-0 a Marassi contro il Genoa: decisivo Zarate con il
suo gol al 65'. Il Grifone ora rischia di perdere il quarto posto in
classifica, mentre i biancocelesti sognano il sorpasso ai cugini
giallorossi

Com'era giusto sottolineare il gran gioco del Genoa nelle ultime giornate, così è corretto rimarcare questa volta le difficoltà della squadra di Gasperini, freddata in casa dalla prodezza di Mauro Zarate al 65', un diagonale imprendibile a seguito di un lancio chirurgico di Kolarov.

Sì, perché se i demeriti del Grifone sono tanti (difesa aperta, centrocampo poco solido, attacco frettoloso), c'è anche da dire che la Lazio a Marassi si è veramente esaltata, facendo di necessità virtù nonostante le numerosissime assenze cui si sono aggiunti - nel corso della partita - gli acciacchi più o meno gravi di Pandev, Diakité e Dabo.

La partenza sprint del Genoa è ingannevole e viene respinta da uno splendido Muslera, veramente eccezionale sul colpo di testa di Biava dopo 100 secondi, mentre Sculli poi spara alto di sinistro. La Lazio attende, ma dopo un quarto d'ora esce alla grande, così è l'altro portiere Rubinho ad esaltarsi due volte su Pandev (costretto a lasciare il campo al 41' per un probabile stiramento alla coscia destra).

Muslera si fa notare anche in finale di tempo per l'uscita bassa che frena la volata di Sculli, ma al 20' della ripresa - quando Gasperini rischia inserendo Olivera - non può nulla sulla fucilata di Zarate, uomo del match nonostante la sua storia d'amore infinita con il pallone (apparentemente incedibile).

Nel finale ci si attenderebbe quindi la grande reazione del Genoa, una sorta di assalto a 'Fort Apache', ma il Grifone ha le ali tarpate e in fase di ultimo passaggio sbaglia veramente troppo. Così è la Lazio a farsi realmente pericolosa con un'altra incursione di zarate e un clamoroso auto-palo di Ferrari che fanno gridare al raddoppio.

Delio Rossi, comunque, si accontenta con un largo sorriso del successo di misura: solo l'Inter in questa stagione aveva battuto il Genoa a Marassi e questi 3 punti rappresentano un'iniezione di fiducia ulteriore dopo il trionfo nel derby, per non parlare della possibilità di soffiare l'Uefa alla Roma.

C'è da riflettere, viceversa, in casa genoana, perché proprio nel momento della verità è arrivato un passo falso inatteso. Niente paura però: da domenica prossima dovrebbe tornare un certo "Principe"...


_________________
                 BALLA CHE TI PASSA

شؤهشخ ش فعففه يش فثيث
avatar
TOMMY's
Admin/Founder
Admin/Founder

Maschile
Vergine
Gallo
Numero di messaggi : 1472
Compleanno : 11.09.81
Età : 36
Occupazione/Hobby : ^__^
Rispetto delle regole del forum :
Esperienza :
100 / 100100 / 100

Punti : 485
Reputazione : 19
Data d'iscrizione : 29.01.08

Re: Serie A - Orgoglio Juventus, Grygera ferma l'Inter

Messaggio Da TOMMY's il Dom Apr 19, 2009 7:12 pm

Serie A - Rilancio romanista sul crollo viola

Una doppietta di Totti vale il 3-2 sul Lecce, mentre la Fiorentina perde 3-1 al Friuli contro l'Udinese. Sconfitte amare per Napoli e Sampdoria, mentre il Chievo cementa la sua salvezza battendo il Siena. Anche la Reggina trova 3 punti di pura speranza

La Roma si rilancia nello sprint che porta al quarto posto che vale i preliminari di Champions: i 3 punti conquistati dai giallorossi nel 3-2 sul Lecce, infatti, rappresentano un vero e proprio tesoro viste le contemporanee (o quasi) sconfitte di Genoa e Fiorentina.

All'Olimpico la squadra di Spalletti (in tribuna perché squalificato) parte benissimo nonostante le tante assenze, trova 2 gol nei primi 13 minuti, ma poi crolla clamorosamente, permettendo al Lecce di accorciare prima e pareggiare poi (2-2 di Papadopoulos in avvio di ripresa). Per chiudere i conti, dunque, ci vuole il gol numero 175 di Francesco Totti in Serie A: il capitano giallorosso supera Amadei e sale al 10° posto nella classifica dei marcatori del massimo campionato di tutti i tempi, anche se va detto che il penalty del 3-2 arriva a seguito di un fallo inesistente fischiato da Mazzoleni.

Il successo romanista risulta ancor più importante in virtù del ko della Fiorentina al Friuli di Udine, dove i bianconeri di Marino si impongono meritatamente per 3-1 di fronte a una squadra viola un po' molle. Il bel gol di Asamoah mette subito la sfida sul binario friulano, mentre poi arriva la doppietta di Gaetano D'Agostino, ex romanista che fa un favore alla Lupa prima su rigore (dubbio) e poi con una punizione splendida.

Nella parte alta della classifica salgono anche Palermo e Cagliari: i rosanero, nonostante l'assenza dell'influenzato Miccoli, passeggiano 4-1 sui resti di un Bologna in caduta libera, mentre i sardi regalano il primo dispiacere al Napoli di Donadoni che cade 2-0 in trasferta dopo quattro pareggi di fila.

In chiave salvezza, invece, brillano i successi di Chievo e Reggina, sorprendenti anche lontano da casa. A Siena i clivensi ringraziano la doppietta del solito Sergio Pellissier e volano a +8 sulla terz'ultima, mentre a Bergamo i calabresi ritrovano almeno un po' di speranza grazie ai 3 punti targati Ceravolo.

Chiudiamo quindi con il 2-0 del Massimino che permette al Catania di raggiungere la Sampdoria a quota 40 in classifica: i gol di Mascara e Martinez esaltano il pubblico di casa, ma l'entusiasmo viene smorzato a causa del brutto infortunio di Ledesma, uscito dal campo in lacrime...


_________________
                 BALLA CHE TI PASSA

شؤهشخ ش فعففه يش فثيث
avatar
TOMMY's
Admin/Founder
Admin/Founder

Maschile
Vergine
Gallo
Numero di messaggi : 1472
Compleanno : 11.09.81
Età : 36
Occupazione/Hobby : ^__^
Rispetto delle regole del forum :
Esperienza :
100 / 100100 / 100

Punti : 485
Reputazione : 19
Data d'iscrizione : 29.01.08

Re: Serie A - Orgoglio Juventus, Grygera ferma l'Inter

Messaggio Da TOMMY's il Lun Apr 20, 2009 11:05 am

Serie A - Il Milan schiaffeggia tutta Torino

Nel posticipo della 32a giornata di A, i rossoneri di Carlo Ancelotti si impongono con un secco 5-1 sul Torino raggiungendo così la Juve al secondo posto in classifica. Tripletta di Inzaghi che esalta San Siro


Con un Inzaghi così, un Beckham che "chi lo tiene più?" e un Kakà che sta ritrovando la sua forma ideale, a questo Milan può restare il rammarico per aver buttato via punti preziosi in una stagione in cui lo scudetto avrebbe dovuto essere l'obiettivo principale. Nonostante questo, al solito coro di "non si vende Kakà", la formazione di Ancelotti deve festeggiare il successo per 5-1 contro il Torino, formazione sempre più in crisi d"identità, ma soprattutto 3 punti che permettono l'aggancio della Juventus al secondo posto in classifica, posizione che il Milan non occupava dallo scorso dicembre.

D'altro canto al Toro resta il dispiacere di non aver approfittato dei risultati di Bologna e Lecce per allontanarsi dalla zona calda della retrocessione. Certo, chiedere ai granata di battere un Milan così sarebbe stato effettivamente troppo, anche se i tifosi forse si sarebbero aspettati un po' di grinta in più dai loro giocatori puniti dal loro stesso modulo di gioco. Camolese ha rinforzato troppo le fasce, permettendo al Milan di sfondare per vie centrali, penetrando le maglie della difesa granata con una facilità impressionante.

Ringrazia Superpippo che segna già al 9', ma Banti giustamente annulla per fuorigioco. Un piccolo contrattempo dato che Inzaghi si rifà al 13' e al 37' con due colpi di testa perfetti su pennellate magiche di un certo David Beckham. Tra i due gol succede di tutto, il Milan crea molto e spreca tutto soprattutto per colpa della scarsa mira di Flamini e, soprattutto, di Kakà. La prima frazione finisce quindi 2-0.

Nella ripresa si rivede in campo anche Ronaldinho al posto di Pato, colpito duro a un ginocchio. Il numero 80 dà subito saggio delle sue qualiotà inventando un pallone filtrante per Inzaghi che segna così la sua personale tripletta che lo porta quota 11 reti in stagione. E Il Toro? Praticamente non pervenuto se si esclude una conclusione dai 30 metri di Bianchi che impegna Dida in due tempi.

Inzaghi esce al 20' della ripresa per la meritata standing ovation ma la goleada non si ferma: al 23' Sereni stende Ambrosini in area e Kakà realizza il rigore assegnato da Banti. Si parla sempre del cuore granata che questa volta continua a battere grazie a Franceschini che salva almeno l'onore con il gol della bandiera al 80'. ma Ambrosini non ci sta e al 90' infierisce con la rete del definitivo 5-1.

Serata decisamente no per il Toro, mentre per il Milan si aprono nuove possibilità, ricordate solo che "non si vende Kakà"...


_________________
                 BALLA CHE TI PASSA

شؤهشخ ش فعففه يش فثيث

Contenuto sponsorizzato

Re: Serie A - Orgoglio Juventus, Grygera ferma l'Inter

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


    La data/ora di oggi è Ven Nov 24, 2017 2:02 pm